小语种论文:意大利语过去分词性数 一致关系的句法解释

发布时间:2022-03-30 15:14:10 论文编辑:vicky

本文是一篇意大利语论文,笔者通过将柔性层(TP)视为传递CP和EventP之间信息处理的中转站,研究表明,人的特质不是名词性表达固有的,而是在TP中获得的。因此,在过去的形容词或分词中,绝不能证明一致性的屈折变化。


1.Classi di verbi


1.1  Transitivo

Nel sistema di Ramchand, ci sono cinque tipi di verbi transitivi in totale. I primi due tipi  sono  entrambi  composti  da  [init,  proc],  ovvero  non  hanno  una  proiezione  del risultato.  Per  il  primo  tipo,  abbiamo  verbi  come  push,  drive,  dry  (transitivo),  melt (transitivo) e redden (transitivo). Esempi sono mostrati in (14): 

 (14)  a.  John pushed the cart.     b.  Mary drove the car.     c.  Michael dried the cocoa beans.     d.  The sun melt the ice.     e.  The clown reddened his cheeks. 

Hanno argomenti diversi che funzionano rispettivamente come initiator e undergoer. Ad  esempio,  in  (14a),  John  è  ovviamente  la  causale  dell’evento  di  spinta,  quindi  è l’initiator;  mentre  the  cart  ‘il  carrello’  subisce  il  sottoevento  processo  provando  un cambiamento di posizione, che è l’indicatore di essere un undergoer. Poiché l’evento di  auto-spinta  non  possiede  un  punto  di  fine  o  uno  stato  finale,  essendo  una  tipica attività  (specificata  nei  tratti  come  [+dinamico],  [+durativo]  e  [-telico]),  secondo  la tassonomia di Vendler8  (1967), questo tipo di verbi cessa di proiettare ulteriormente quando arrivano alla proiezione di processo (cioè senza la proiezione del risultato). Per dimostrare tale ipotesi, si prevede che solo locuzioni di direzione come “to somewhere” (cambiamento  interno  della  posizione)  possano  essere  aggiunte  al  sintagma  verbale, d’altra parte, locuzioni che suggeriscono stato, ad esempio un sintagma preposizionale che esprime posizione come “in somewhere”, sarebbe costantemente respinto.


1.2  Inaccusativo

In questa sottosezione, sono stati identificati quattro tipi di verbi inaccusativi, con ogni tipo  corrispondente  a  un  modello  dissimile  di  combinazioni  di  sottoeventi.  Il  primo gruppo di inaccusativi comprende i verbi come melt, roll e freeze, che sono costituiti solo da [proc]. Ciò significa che tali verbi non contengono una causale auto-iniziata e dovrebbero essere riconosciuti come tipiche attività. Queste previsioni possono essere confermate dal fatto che questo tipo di inaccusativo 1) è compatibile con le preposizioni direzionali  e  altre  espressioni  che  si  trovano  in  una  relazione  parziale-intera  con  il sottoevento processo; 2) può coesistere con un aspetto progressivo, che presuppone un sottoevento processo e non consente la proiezione di risultato; 3) dimostra alternanze di  transitività  e  in  tal  caso  dovrebbe  avere  restrizioni  semantiche  piuttosto  libere  sui soggetti, vedi (23-35) per alcuni dati: 

(23)  a.  The gunman melted into the night.     b.  The ball rolled into the net.     c.  The poor man froze to death.    (24)  a.    The butter is melting.     b.    The ball is rolling.     c.    The water is freezing.     d.  ??Mary is loving a boy.     e.  ??The glass is breaking. 

Poiché anche questo secondo tipo di inaccusativo manca della proiezione di inizio, essi  dovrebbero  anche  conformarsi  alla  predizione  relativa  alle  selezioni  semantiche relativamente  libere  (quindi  compatibili  con  agenti  astratti,  inanimati,  non necessariamente  volitivi).  Inoltre,  grazie  alla  loro  proiezione  di  risultato,  sarebbe piuttosto  mal  formato  metterli  in  contrapposizione  con  espressioni  temporali  che indicano  un  periodo  di  durata.  


2  Approcci Precedenti all’Accordo di Participio Passato


2.1  Kayne 1989

La  teoria  di  Kayne  si  basa  principalmente  sull’intuizione  che  ci  esiste  una  forte connessione tra l’accordo nei tratti-φ e il movimento. 

 In  (43a),  viene  usato  un  verbo  inaccusativo  partire,  il  cui  unico  argomento  è considerato  generato  nella  posizione  dell’oggetto  interno  e  quindi  spostato  nella posizione canonica del soggetto (Spec, TP). La passivizzazione in (43b) è un altro caso che coinvolge un soggetto derivato, che in origine è un oggetto diretto. Il clitico oggetto diretto in (43c) si sposta anche dal sito a base per essere collegato a TP, in modo che il suo contenuto fonologico difettoso non provocherebbe un fallimento della derivazione al  momento  di  enunciato  (spell-out).  Pertanto,  qualsiasi  teoria  adeguata  per  spiegare l’accordo sul participio passato dovrebbe tener conto di questa generalizzazione.  Per acquisire  questa  proprietà,  Kayne  implementa  la  Spec-Head  come  la  configurazione critica  responsabile  dell’accordo  di  participio  passato,  che  è  trattato  nella  letteratura generativa come l’unica legittima relazione geometrica per assegnare accordo. Un altro componente  essenziale  presupposto  per  il  funzionamento  dell’analisi  di  Kayne  è  la postulazione della proiezione di accordo di oggetto (AgrOP). Secondo Chomsky (1995), lo scheletro verbale sarebbe specificato come AgrS-T-AgrO-V. 

意大利语论文怎么写


2.2  D’Alessandro e Roberts 2008

Per  risolvere  i  problemi  empirici  incontrati  in  Kayne  (1989)  e  seguire  le  teorie  ben accettate recentemente emerse nei due decenni seguenti, D’Alessandro e Roberts hanno fatto emergere una nuova analisi per rendere conto del modello di accordo di participio passato  romanzesco,  basandosi  fortemente  sulla  teoria  di  fase  elaborata  in  Chomsky (1995,  2001b),  secondo  cui  le  strutture  sintattiche  non  dovrebbero  essere  definite rappresentazionalmente  (cioè  statiche),  ma  dovrebbero  piuttosto  essere  considerate come  un  processo  dinamico  di  derivazione.  Un  presupposto  naturale  basato  sulla considerazione dell’efficienza sarebbe che ci deve esistere un’unità minima di calcolo sintattico  che  è  mantenuta  nella  memoria  attiva  e  che  può  essere  accessibile  a  varie operazioni  sintattiche.  Una  tale  unità  minima  è  chiamata  fase,  che  in  un  certo  senso deve essere sia semanticamente che fonologicamente completa. Di solito, υP e CP sono considerati  fasi,  poiché  il  primo  contiene  tutti  gli  elementi  necessari  per  costruire  la struttura  di  evento,  mentre  il  secondo  è  una  proposizione  indipendente.  Tuttavia,  in seguito a Sigurðsson (2000), invece di υP e CP, il sintagma di evento, ovvero EP, che codifica eventualità, e il sintagma di atto vocale (speech act phrase), che identifica i partecipanti coinvolti nell’evento, dovrebbero essere considerate fasi vere. Quando una fase è completata, il complemento di essa verrà inviato allo spell-out per acquisire sia il contenuto fonologico che quello semantico. Solo la testa di fase e lo specificatore12  rimarranno  attivi  per  ulteriori  operazioni  sintattiche.  Per  evitare  di  essere  enunciati prematuramente, gli elementi-wh (anche argomenti) prendono lo specificatore di fase come tratteggio di fuga  prima che si sposti verso l’alto nel sito di atterraggio finale. 


Capitolo 3 Un’alternativa Basata su Specificità ............................... 43

3.1 Participi passati e aggettivi ................................. 43

3.2 Selezione di ausiliare e ergatività divisa  ............................. 59

3.3 Specificità, caso e accordo  ............................. 80 

Conclusione................................. 98


3  Un’alternativa Basata su Specificità


3.1  Participi passati e aggettivi

In questa sottosezione, le proprietà di participi passati saranno esaminate attentamente e  assimilate  con  aggettivi,  in  base  all’osservazione  della  loro  parallela  distribuzione sintattica e interpretazione semantica. 

  Tanto per cominciare, gli aggettivi si comportano similmente con i participi passati nell’essere  difettosi  o  incompleti  quando  usati  in  modo  predicativo,  cioè  entrambi hanno bisogno del supporto di un ausiliare per predicare un’entità. Inoltre, se ESSERE è selezionato come ausiliare appropriato per i participi passati, manifestano un simile modello  di  accordo  morfologico  con  aggettivi,  mostrando  solo  i  tratti  di  genere  e numero sulla declinazione. 

Il verbo partire in (60a) è usato nel  tempo passato prossimo (presente perfettivo), che è espresso dall’ausiliare ESSERE e la forma di participio passato del verbo, che concorda con il soggetto Maria in tratti-φ ed è di conseguenza valutato come femminile e  singolare  [F,  SG].  Nel  caso  di  (60b),  l’ausiliare  (particella  copulativa)  ESSERE dovrebbe  essere  obbligatoriamente  presente  e  dovrebbe  essere  stabilita  anche  una relazione di accordo tra l’aggettivo bello e l’unico argomento Maria. 

意大利语论文参考


Conclusione

Questa ricerca sull’accordo di participio passato in italiano è innanzitutto basata sulla sintassi di prima fase di Ramchand (2008), che tratta l’eventualità come il risultato di diverse  combinazioni  di  tre  sottoeventi  nel  modulo  di  sintassi:  inizio,  processo  e risultato. Tuttavia, come discusso nel capitolo 1, la proposta di Ramchand è carente nei seguenti tre aspetti: primo, la struttura di evento è assegnata a ciascuna classe di verbi in  base  al  suo  significato  lessicale;  secondo,  la  posizione  di  complemento  della proiezione di sottoevento è sospetta; terzo, non è ben motivato a ritenere che ogni ruolo tematico  possa  essere  assegnato  a  un  solo  argomento,  poiché  si  ritiene  che  un argomento possa ricevere più ruoli tematici. Per risolvere questi problemi, si propone che 1) la struttura di evento sia limitata dal significato lessicale di un verbo, ma non completamente  determinata  da  esso;  in  realtà  la  telicità  richiesta  da  un  particolare contesto ha un ruolo predominante nell’assegnare la struttura di evento; 2) argomenti non  vengono  più  generati  nella  posizione  di  complemento;  3)  sono  consentiti  doppi specificatori e ogni ruolo tematico può esser dato a più di un argomento.

Nel  capitolo  3,  si  scopre  che  la  transitività  e  la  specificità  sono  importanti  nel decidere il sistema di caso e la voce di una proposizione. Poiché i verbi transitivi e i verbi inergativi coinvolgono due partecipanti a un’azione, essi sono altamente transitivi, mentre i verbi inaccusativi e passivi hanno una bassa transitività. Inoltre, i verbi psichici sono ancora più transitivi per enfatizzare l’affettività dell’argomento interno. 

参考文献(略)

如果您有论文代写需求,可以通过下面的方式联系我们
点击联系客服